firenze

Ti trovi nell'archivo degli articoli taggati con firenze.

Leggi tutto »

Tags: , , ,

scatola_12_bottiglie

Leggi tutto »

Tags: , , ,

Aveva accantonato la refurtiva in un casolare abbandonato dove ogni tanto andava a prendere qualche confezione

Firenze, ruba 7 mila uova per rivenderle: arrestato

E’ stato il continuo via vai del giovane pluripregiudicato campano dalla cascina a insospettire gli abitanti della zona, che hanno segnalato il fatto ai Carabinieri

Leggi tutto »

Tags: , , , ,


GITA A FIRENZE, INTOSSICATI 83 STUDENTI E CINQUE PROF.
avevano cenato in un ristorante del centro

Una gita scolastica a Firenze si e’ trasformata in un incubo per 83 studenti casertani e per i loro cinque insegnanti. Dopo aver cenato in un ristorante in centro hanno iniziato a sentirsi male, con vomito e dissenteria, tanto che due di loro hanno dovuto ricorrere al pronto soccorso. Sono stati informati i carabinieri che dopo accurati controlli del ristorante hanno riscontrato gravi carenze igienico-sanitarie. A seguito di cio’ il Nas, proporra’ la chiusura del locale al Sindaco di Firenze. Per quanto concerne invece i fatti riportati in denuncia, verra’ inoltrata comunicazione di notizia di reato alla Procura della repubblica presso il Tribunale Ordinario di Firenze, a carico del titolare della trattoria, per ipotesi di reato per “Commercio di sostanze alimentari nocive”.

(AGI) – Firenze, 12 mar. -
P.S.
Da ricerche effettuate ho scoperto che il ristorante in questione è: la trattoria ‘La grotta di Leo’ di via della Scala

Tags: , , , , ,


Da questo numero, il nostro appuntamento diventa quindicinale, quindi dovrò visitare 2 locali al mese! Ogni tanto, come in questa occasione, mi concederò qualche licenza extra, cioè, racconterò delle esperienze gastronomiche vissute al di fuori della nostra zona di competenza. L?occasione mi giunge a Firenze: in 7 cercavamo un locale per la cena. In un vicoletto nei pressi di Piazza della Signoria, notiamo un localino dall?aria simpatica, ?Vini e Vecchi Sapori?. Davanti all?ingresso una vecchia botte dove c?erano attaccate delle foderine plastificate che informavano i passanti che il locale era citato sulla guida del Gambero Rosso. Un caso: l?avevamo appena comprata. Verifichiamo, è vero. La descrizione è invitante: tipica osteria fiorentina dove si potevano gustare piatti locali come la ribollita o la pappa al pomodoro, atmosfera gradevole, genuinità, buone bottiglie, economica (16 euro a persona). Entriamo…. e usciamo. Il locale è strapieno (ha solo 24 posti), dobbiamo ripassare dopo mezz?ora. Aspettiamo facendo una breve passeggiata fino a Ponte Vecchio. Ritorniamo, il posto si è liberato. All?interno molto legno, delle buone bottiglie toscane esposte, un piccolo bancone e una calda atmosfera. Ci guardiamo in giro e notiamo che c?è poca cura nei particolari: polvere e sporco un po? ovunque. Ci portano il menu, nel frattempo che ci preparano il tavolo, con ?set? di carta. La scelta è buona, piatti semplici e genuini, ma tutto quello che chiediamo non c?è a sufficienza per tutti. Allora. «Faccio io», dice Giorgio (il proprietario in perfetta tenuta da oste ?antico? con barba non rasata). Ci portano dei crostini con burro e acciughe, con fegatini, con passato di baccalà: preparati con pane vecchio tagliato da qualche giorno! A seguire tre primi messi a centro tavolo con tutta la padella: bigoli alle acciughe, pennette ai carciofi e spaghetti con polipetti (tutti tiepidi, cioè, preparati chissà quando e riscaldati male). Secondi: per uno di noi baccalà al pomodoro (sfatto ed a ?pappetta?, chissà quanti giorni aveva!); per me, arista di maiale con patate, fettine sottilissime senza osso con patate brutte anche a vedere (naturalmente non ho mangiato!); altri hanno preso sarde marinate e gamberi: sono arrivate due insalatiere provenienti dai tavoli vicini, in quella dei gamberi ce n?erano meno di dieci. Per le posate, ci hanno invitato a tenere sempre le stesse fino alla fine. Uno solo ha preso il dolce: una torta ai pinoli maldestramente riscaldata al microonde. Poi, cantuccini (accettabili) e vinsanto (un prodotto da battaglia che avrebbe fatto brutta figura anche sugli scaffali di un discount). La grappa, imbevibile, servita in una bottiglia senza etichetta. Come vino, abbiamo visto delle buone bottiglie toscane esposte, a noi, senza ordinare, ci è stato servito un fiasco (impagliato) di vino rosso toscano IGT, adatto per piccole ?cantinelle?. Nel frattempo, il proprietario, un personaggio dall?apparenza scorbutica che tenta di fare il simpatico, usando un linguaggio al limite della volgarità nei confronti del suo personale, mangia accasciato alla buona con il piatto in mano, a tavoli da clienti ?amici?, che sicuramente saranno stati trattati meglio di noi. Per finire il caffè, preparato con la classica caffettiera napoletana, ed il conto: 210 euro per sette persone, il tutto da far restare senza parole! Penso proprio che il ?Gambero? debba rivisitare questo posto.

Wine Bar ?Vini e Vecchi Sapori?, Via dei Magazzini 3r, 50123 Firenze. Tel. 055.293045. Voto 58/100 scadente.

Diodato Buonora – gennaio 2003

Tags: , , , ,

Archivio

Ebuzzing GASTRONOMIA

Ebuzzing - Top dei blog - Gastronomia

Ebuzzing TEMPO LIBERO

Ebuzzing - Top dei blog - Tempo libero

Ebuzzing generale

Ebuzzing - Top dei blog

liquida