castellabate

Ti trovi nell'archivo degli articoli taggati con castellabate.

Uno degli stand più affollati al “Festival dell’Aspide” è quello della birra artigianale del Birrificio dell’Aspide. Nella foto dello scorso anno vediamo il titolare Enzo Serra (qui con qualche chilo in più) mentre spilla con soddisfazione la sua buonissima birra. Aspettami… arrivo!

Leggi tutto »

Tags: , , , , , , , , , , , , , , ,

 La spiaggia di Palinuro vista dal “Guarracino”

Leggi tutto »

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Leggi tutto »

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

 Mario Corrado e Diodato Buonora

Leggi tutto »

Tags: , , , , , , , , , ,

Silvia Funiciello e Fioravante Lembo

Leggi tutto »

Tags: , , , , , , , , ,

Leggi tutto »

Tags: , , , ,

Leggi tutto »

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

il team dell’Approdo Resort Thalasso Spa

Leggi tutto »

Tags: , , , , , , ,

L’esterno del ristorante “Il Rosso e il Mare” di Acciaroli.

Leggi tutto »

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Leggi tutto »

Tags: , , , , , ,

 

  Leggi tutto »

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,

Leggi tutto »

Tags: , , , , , ,

Leggi tutto »

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Leggi tutto »

Tags: , , , , , ,

Ciro Ceriello e Ciro Marrazzo

Leggi tutto »

Tags: , , , , , , ,

Private beach

Leggi tutto »

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Leggi tutto »

Tags: , , , ,


Tappa al ristorante ?I Due Fratelli? di S. Maria di Castellabate, locale che ha fatto la storia della ristorazione in questa ridente ?perla? della Costiera Cilentana. Il posto, aperto dal 1968 dai fratelli Domenico e Costabile Di Pace che tuttora lo gestiscono, offre una cucina tipicamente di pesce e, cosa che non guasta, è presente da anni sulla guida Rossa della Michelin. Il ristorante lo trovate sulla destra, arrivando da Agropoli, poco prima di giungere al centro del paese. In questi periodi si pranza e si cena in giardino. Curiosando abbiamo dato una sbirciatina all?interno (usato generalmente nei mesi invernali) ed abbiamo notato che è curato ed arredato con gusto. All?arrivo, ci ricevono camerieri gentili e dall?apparenza professionale, che con garbo e cortesia ci fanno accomodare nell?accogliente sala esterna, ricavata in una struttura grezzo-rustica ben sistemata e pulita, da dove (non troppo lontano) si ammira il mare. Troviamo: il pavimento in prato sintetico, i tavoli ben apparecchiati, i bicchieri a vino sono quelli giusti, le tovaglie eleganti sono di colore giallo crema, le sedie sono quelle viennesi, il sottofondo musicale è piacevole e non disturba, piante ornamentali ben sistemate e curate un po? ovunque. In pratica una bell?atmosfera mediterranea. Ci portano il menu che offre una scelta di 9 antipasti, 9 primi e 9 secondi, ma secondo noi, la cosa più interessante è l?offerta di 3 menu degustazione: troviamo quello del giorno a 22 euro, il menu sfizio a 28 euro ed il menu ?I Due Fratelli? a 32 euro, proprio quello che ci ha attirato di più. Ci sono stati serviti 3 assaggi di antipasti: una gradevole insalata con fagiolini, pomodorini e tonnetto fresco, seguita da un anonimo sformatino con melanzane e gamberi ed una deliziosa fetta di melanzana tonda gratinata con provola ed alici fresche. Poi, i primi piatti: pappardelle ?I Due Fratelli? con fiori di zucca, zucchine, gamberi e vongole ed un classico, ma buon risotto alla pescatora. Abbiamo continuato con una generosa grigliata di pesce fresco che comprendeva un marmoro, una bella triglia e due gamberoni rossi. Dulcis in fundo abbiamo apprezzato una panna cotta alle pesche, molto delicata e ben presentata. Ricca la carta dei vini con etichette di valore sia regionali che nazionali, peccato che la veste grafica lasciava a desiderare e stranamente quasi a tutti i vini non erano menzionate le annate, particolare importante per gli intenditori. In ogni modo, noi abbiamo scelto il Fiano 2002 vendemmia tardiva Paestum Igt delle cantine Marino di Agropoli: 14,5° di morbidezza ed eleganza che hanno degnamente accompagnato una bella serata. Conto: circa 40 euro a persona. (Nella foto: i ?due fratelli? con la signora Maddalena, moglie di Domenico)
Ristorante ?I Due Fratelli?, Via S. Andrea ? 84072 S. Maria di Castellabate (SA). Tel. 0974.961188. Chiuso il mercoledì (non dal 15 giugno al 15 settembre). Voto 79/100.

Diodato Buonora – Agosto 2004

Tags: , , , , ,


Non sto esagerando. La cucina che abbiamo provato al ristorante ?Il Gazebo?, ha avuto veramente qualcosa di particolare e di sublime, e diventa ancora più interessante, quando scopriamo che ai fornelli c?è Osman Aly, figlio diciassettenne del titolare, Mohamed Aly, di origini egiziane, conosciuto da tutti come ?Mimmo?. Il locale si trova in contrada Alano nei pressi di Santa Maria di Castellabate, ?la regina della Costa Cilentana?. Per arrivarci, uscendo dalla S.S. 18 ad Agropoli sud, si seguono le indicazioni per S. Maria e dopo circa 10 minuti di strada, quando vedrete l?insegna della discoteca D & D, noterete anche quella della nostra meta, che ci informa che c?è una nuova gestione. Infatti, fino a sette mesi fa, ?Il Gazebo? era rosticceria-pizzeria, ora con ?Mimmo? sta cercando di crearsi un proprio spazio nella ristorazione cilentana di qualità, e se continua così, sicuramente ci riuscirà.
Il locale è situato in un posto tranquillo. All?esterno, tavoli con ombrelloni particolari adatti a periodo prettamente estivo, mentre all?interno la sala è di forma ottagonale e somiglia ad un ?.. gazebo. Circa 35/40 posti disposti ai bordi, mentre al centro una colonna con intorno dei tavoli-buffet con esposizione di vini, bicchieri, decanter, verdure e prodotti particolari. L?ambiente è semplice, ma curato. Notiamo una mini piantina fiorita su ogni tavolo, cuscini colorati sulle comode sedie di legno, un piacevole sottofondo con musiche degli anni 60/70. A tavola ci lasciamo guidare ed ecco che ci arrivano, insieme ad una semplice bruschetta con olio ed origano, alici marinate al limone con cetriolo, cicale lesse con melograno, polipo fresco all?insalata, foglie di limone ripiene con calamari, foglie di vite con radicchio e gamberetti e calamaro ripieno con mozzarella, uova e frutti di mare. Tutti antipastini da farci leccare i baffi. Al primo dei tagliolini con granchio e cicala, cotti al punto giusto e conditi con grande talento. Al secondo, per stupirci fino in fondo, filetti di dentice e ricciola al forno con sopra una delicatissima crema agli asparagi. Al dolce, preparato dalla signora Aly, ci servono in un grande piatto finemente decorato, assaggi di crostata con marmellata di fragole e di tiramisù. Non ci sono più parole per descrivere una cucina che ci ha dato sensazioni ed emozioni da tempo dimenticati. Bravo, anzi bravissimo ad Osman, al quale consigliamo di continuare così e di restare con i piedi per terra.
Come vino, da una lista non troppo impegnativa, abbiamo bevuto un Cilento Bianco Doc 2002 delle Cantine di Francesco Barone di Rutino.
Noi siamo stati al Ristorante ?Il Gazebo? il 24 settembre e voi, se volete trascorrere una serata come la nostra, prevedete circa 30 euro a persona, spesi veramente molto bene.

Ristorante Il Gazebo, Via Alano ? 84071 Santa Maria di Castellabate (SA). Tel. 0974.968058. Voto 78/100.

Diodato Buonora – dicembre 2003

Tags: , , , , , ,

Archivio