Cena da 4mila euro, manager non paga

Cena da 4mila euro, manager non paga

Milano, denunciato dallo chef Cracco

La cena era andata bene: tagliolini, uova al tegamino e una grattata di tartufo d’Alba. Ma quando il cameriere presenta il conto, a un manager e ai suoi cinque ospiti viene un colpo: 4.140 euro. Succede da Cracco, uno dei ristoranti migliori di Milano e d’Italia. Il manager pretende uno sconto, sostiene che il tartufo non sia stato pesato né prima e né dopo. Lo chef Carlo Cracco (nella foto) denuncia il cliente che si rivolge, a sua volta, al giudice.

Ora toccherà a un tribunale diramare la questione. Il manager, la sera della cena, lo scorso dicembre, racconta la Stampa, decide di uscire senza pagare.

Il menù prevede anche un aperitivo a 20 euro, due bottiglie di vino pregiato da 180 e da 150 euro ciascuna. A far salire il conto, è il pregiatissimo tartufo

Le grattugiate vengono calcolate in 300 grammi, per 10,9 euro al grammo. Totale: 3.730 euro. Il manager sostiene che, per una cena identica in passato, aveva speso per due persone 630 euro. Cracco propone 700 euro di sconto ma l’offerta viene respinta. Due giorni dopo il manager scrive a Cracco allegando un assegno da 2mila euro. Per il cliente è il giusto prezzo da pagare, calcolato sugli scontrini di cene precedenti e con portate simili.

Per Cracco si tratta, invece, di una "arbitraria e incongrua autoriduzione". La pesatura è stata effettuata al tavolo. "Questo signore non ha pagato ed è stato denunciato. C’è chi è capace di spendere 7mila euro per una bottiglia di buon vino o chi spende 1.000 euro per un telefonino. Il mio è uno dei migliori ristoranti d’Italia".

 

Fonte Tgcom

Il ristorante Cracco Peck a Milano

 

 

Tags: , , ,

  1. elysa’s avatar

    io non capisco.se uno entra in ristorante, di classe come quello, ordina piatti al tartufo (che si sa non costa poco..) cosa pretende? di mangiare gratis? mi sa che è il classico tipo che ha voluto mangiare a sbaffo e lamentarsi, secondo me senza ragione, per avere la scusa per non pagare..che poi ora deve pagare avvocati e spese legali. continuo a chiedermi, ma non era meglio fare la spesa in un market e mangiare in casa?? di sicuro spendeva molto meno e non aveva denunce a carico..

  2. redisaturno’s avatar

    Io, dall’alto della mia signorilità, avrei lasciato anche un paio di mila euro di mancia. Io, dall’alto della mia signorilità, vado tutti i giorni a mangiare il tartufo (algida) in ristoranti blasonati.. IO. Io però sono IO.

    :D D

  3. De Giuseppe Angelo’s avatar

    Se sul menù come prescrive la legge erano specificati i costi del tartufo al grammo ,nessun problema,il commensale vede i prezzi e decide se alzarsi e andar via o continuare la cena.Dal bepi in piazza Erbe le uova al tegamino (freschissime ,le galline c’è la nel cortile)e i tagliolini con i fegatini,fatti da sua mamma costa 13euro.

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Codice di sicurezza:

Archivio

Ebuzzing GASTRONOMIA

Ebuzzing - Top dei blog - Gastronomia

Ebuzzing TEMPO LIBERO

Ebuzzing - Top dei blog - Tempo libero

Ebuzzing generale

Ebuzzing - Top dei blog

liquida